'Conoscere,
Osare,
Volere,
e in silenzio stare'.

Queste sono le quattro regole del Mago.
Per osare,dobbiamo conoscere.
Per volere,dobbiamo osare.
Dobbiamo avere volontà,per possedere l'impero.
Per regnare,dobbiamo stare in silenzio.


. Conoscere:
Dobbiamo sgomberare la mente e ripulirla dalla confusione, dalle scorie inutili e dalle notizie obsolete, solo allora potremmo aprirla per accettare i doni della conoscenza e della verità!.
Bisogna liberare la mente da tutto quello che ci impedisce di studiare, percepire e conoscere, bisogna avere pazienza, procedere a piccoli passi e avere fiducia in se stessi, ma soprattutto dedizione e costanza in tutto quello che si fa, è la chiave per la vittoria!.

. Osare:
Dobbiamo avere il coraggio di superare la nostra ignoranza, solo allora avremmo la forza per percorrere questo sentiero, è un sentiero difficile, in cui si sta faccia a faccia con il proprio io, proprio per questo si arriva anche ad affrontare i propri lati deboli, i lati che difficilmente si accettano e,talvolta, neanche si riescono a comprendere subito.

Per questo motivo se noi partiamo dalla base, riconoscendo la nostra poca conoscenza si riesce ad arrivare ai concetti, grazie all'umiltà ascoltando chi è più saggio di noi.
Bisogna osare, non aver paura di sbagliare lì per lì, tutti sbagliano e proprio dai nostri sbagli riusciremo a capire qual'è il modo giusto di svolgere le cose, per noi stessi!.

. Volere:
Senza la volontà la nostra magia è destinata a fallire, perché i nostri sforzi abbiano successo dobbiamo desiderare a tal punto un obiettivo da diventare un tutt'uno con esso, la buona riuscita di un nostro intento non viene dal nulla, anzi, bisogna impegnarsi quotidianamente per far si che questo si realizzi, quando si arriva a desiderarlo, bramarlo e volerlo con tutto noi stessi, la Strega ottiene!.

. Stare in silenzio:

Il primo aspetto è: innanzitutto dobbiamo acquistare la qualità della pace e la quiete interiore, e continuare a coltivarla di giorno in giorno dentro noi, solo allora riusciremo a cogliere i messaggi degli Dei o a udire la voce interiore.
Mentre il secondo aspetto è più pratico: nel nostro mondo esistono ancora persone bigotte,

paurose e dobbiamo capire che chi non vuole essere istruito non lo sarà mai, per questo motivo,il silenzio e spesso necessario per proteggere noi stessi e le nostre tradizioni, in estremis è anche inteso come tacer assoluto nel non divulgare minimamente nemmeno tra simili il proprio sapere o livello di conoscenza.

. Fonte:
- L'arte della strega di D. Morrison.


Collaborazioni

◆ Vuoi collaborare con il blog? Leggi qui e scopri come fare!.