» Esercizio n. 1 -  visualizzazione:
Prendete un foglio bianco e disegnate un punto nero, cercate un posto tranquillo e sedetevi comodi.
Iniziate a guardare il punto sul foglio, dopo un po, togliete il foglio, riguardate il foglio, fate così fino a quando non sarete in grado di visualizzare il punto mentalmente.
e dopo alcuni tentativi, sarete in grado di immaginarlo mentalmente. 

» Esercizio n. 2 - visualizzazione dei colori:
L 'esercizio n. 1, può essere esteso ai colori. 
Scegliete un colore che sembra armonizzarsi con il vostro essere, chiudete gli occhi e pensate a quel colore (l'esercizio va praticato da soli).

» Esercizio n. 3 - Il Triplice respiro:
- Svuota completamente i polmoni e trattieni il respiro contando sino a quattro.
- Inala contando sino a quattro in modo da sentirti pieno di aria fino alla gola.
- Trattieni il fiato contando sino a quattro.
- Esala contando sino a quattro finché i polmoni non saranno nuovamente vuoti.

» Esercizio n. 4 - La meditazione dei Chakra:
Seduti a terra, rilassatevi e chiudete gli occhi, lasciate passare qualche secondo e pensate al silenzio e alla pace.
Visualizzate una sfera di luce sopra la vostra testa, e guardatela scendere lentamente lungo la colonna vertebrale, percepite la sensazione che proviene dal 1° Chakra, presente alla base della colonna, inspirate lentamente e dopo aver espirato sempre dal naso, ricominciate la visualizzazione partendo dal 2° Chakra  e così' via fino al 7° chakra.

» Esercizio n. 5 - Le parti doloranti:
Sdraiatevi e rilassatevi, inspirate prima verso l'addome e poi verso il torace, espirate lentamente dal naso, ripetete la respirazione per 10 volte. 
Monitorate il vostro corpo se ci sono delle zone tese, cercate di rilassatele, e mandate energia verso queste zone o massaggiatele, visualizzate e consapevolizzatevi del vostro apparato osseo, osservatelo per un minuto. 
Prendete nota della massa muscolare, tendete e rilasciate la pelle, prendete consapevolezza del limite tra fuori e dentro, notate il corpo denso che si allarga nel corpo eterico, a questo punto portate la vostra attenzione oltre il corpo eterico, continuate così finché ve la sentite.

» Esercizio n. 6 - Il viaggio ad Avalon:
Immaginate di essere sulla riva di un lago, tutto è avvolto dalla nebbia e non si riesce a vedere nulla, c’è un grande silenzio, nessun fruscio di foglie, e nessun uccellino a cinguettare. 
Dal’acqua sentite un leggero sciacquio e la nebbia si apre davanti i vostri occhi e da questa vedete una barca che lentamente si avvicina, la barca si sta dirigendo verso di voi, è argentata e la vela è bianca come la Luna; una donna siede maestosa e fiera, bellissima e soave, ha un viso dolce e nobile, con un vestito rosso, come i suoi capelli. 
Vi porge la mano e vi aiuta a salire, la barca si muove tra la nebbia e la vostra silenziosa compagna di viaggio vi sorride dolcemente, vi fermate davanti ad un molo di legno bianco, siete arrivati ad un’isola incantata nascosta al’occhio dei mortali dalla magica nebbia che avete da poco attraversato, sul’isola splende un sole caldo e piacevole, ed è colma di alberi di mela ricchi di frutti maturi e fiori che con il velo svolazzano creando un turbine di delicati petali.
La fata Morgana, colei che vi ha accompagnato nel vostro viaggio vi da il benvenuto e vi invita a sostare nella sua isola fin quando vorrete, a parlar con lei di arte e magia, poiché lei conosce tutte le erbe e i segreti più nascosti. 
Quando sarete pronti ringraziate fata Morgana e fate ritorno al regno degli umani, con la barca.


→ Fonte: la grande Dea.


Collaborazioni

◆ Vuoi collaborare con il blog? Leggi qui e scopri come fare!.