Benvenuti

... Buona navigazione!.
→ Sei qui:




A picture of a tarot or oracle card, and its meaning (Una foto di un tarocco o carta da oracolo, e il suo significato).






Secondo la tradizione dei Druidi, tutti discendono da un misterioso Dio dell'aldilà e signore dei morti. A dimostrazione che l'oscuro aveva una grande importanza per i celti, i giorni non iniziavano all'alba (quindi con le prime luci) ma al crepuscolo... e il computo delle stagioni iniziava con l'autunno, a Samhain. Morte e rinascita sono strettamente intrecciati. Quindi i celti non avevano paura della morte, il rapporto con "lei" era sereno, tanto che a Samhain vivi e morti banchettavano insieme.
Sucellos era il Dio celtico del martello (il suo nome significa "colui che batte bene"). Era vestito di pelli di animali, spesso lupo o iena. Al suo fianco stanno altri animali: un cane e una cornacchia. Nelle mani stringe degli attrezzi, tanto che viene confuso a volte come un Dio dell'agricoltura... in effetti lui semplicemente indicava il collegamento simbolico tra la morte e i semi (entrambi portano a una rinascita). In Bretagna, quando l'agonia si protraeva a lungo, la donna anziana del villaggio si recava a far visita al morente, tenendogli un martello sul capo per aiutarlo a lasciare il proprio corpo (questa figura esisteva anche in Sardegna fino a pochi decenni fa, l'Accabbadora).
Quindi Sucellos è il Dio della Buona Morte. Il cane sulla carta rappresenta il custode dell'aldilà. Tutti noi abbiamo un tempo per vivere e uno per morire. Accettare questo fatto, aiuta anche ad accettare tutti gli altri cicli che viviamo, e che necessariamente hanno un inizio e una fine. A ogni fine corrisponde sempre un nuovo inizio: la morte, scandita dal martello di Sucellos non è altro che il passaggio da una dimensione all'altra.

Parole chiave: trasformazione, ineluttabilità, destino

Consiglio: Se le cose non girano più per il verso giusto, rassegnati e lasciale andare; per costruire il nuovo bisogna abbattere il vecchio.

Significato della carta al positivo

forza maggiore, movimento inarrestabile degli eventi, rinnovamento. Inizio di una nuova epoca, nuovi progetti, evoluzione inattesa. Utile lezione tratta dagli eventi. Qualcosa di certo. Iniziazione esoterica. Impresa condotta a buon fine. Eredità. Scampo da morte e rovina. Convalescenza.

Significato della carta al negativo

Punto di rottura, svolta dolorora, delusione, dolore, ostacoli, fallimento. Stasi, rifiuto di un cambiamento, mancanza di appoggio. Lutto, pessimismo, perdita, vecchiaia. Verità difficile da accettare. Ribellione, violenza, punizione. Successo invalidato da un errore. Crollo, malattia, crisi depressive, omicidi, psicosi.
Tarocchi dei Templari: La Grande Ombra

La figura rappresentata nella carta è inquietante, avvolta in un saio nero e con una cintura di ossa umane. Si tratta della morte. A una prima occhiata può sembrare una carta macabra, ma c'è un germoglio che spunta dalla terra, simbolo di rinascita. La Grande Ombra racchiude un significato positivo connesso con la rinascita e il rinnovamento: ciò che è vecchio muore per dar vita a una nuova condizione di vita. Il passato viene seppellito e il nuovo avanza.
La Grande Ombra rappresenta la Fenice, che rinasce annunciando la trasformazione, simile alla trasformazione alchemica.

Corrispondenze

La Grande Ombra è affiancata dalla cifra pitagorica numero 8, associata all'Elemento Terra e al Pianeta Saturno (Crono per i Greci). Il nome Kronos deriva dalla parola greca Korone, che significa cornacchia. La cornacchia, a livello alchemico, rappresenta l'Opera in nero (Nigredo), legata alla morte della materia e alla sua trasformazione in qualcosa di nuovo e diverso.

Significati della carta al positivo

Cambiamenti positivi, nuovi traguardi, successo, liberazione da una situazione negativa, futuro brillante, grandi realizzazioni, libertà, fine di una condizione oscura.

Significati della carta al negativo

Fatalità, morte, stagnazione, minaccia, tristezza, senilità, paure irrisolte, timore dell'ignoto.

Frase chiave: Io sono la trasformazione che non ti aspetti, ma che ti porterà a nuova vita. Accoglimi.